Martedý, 25 Aprile 2017  

MATERIALE DOCUMENTALE

IN EVIDENZA

PROGRAMMI DEI CORSI , MATERIALE DIDATTICO E INFORMAZIONI PER GLI STUDENTI

LINKS

ISTITUZIONI IN ITALIA

ISTITUZIONI NEL MONDO

LA RIFORMA COSTITUZIONALE ED ELETTORALE

LINKS UTILI

PROGETTO STRATEGICO CNR "SUPPORTO ALL'ATTIVITA' DEL PARLAMENTO" E RICERCHE PRIN

SCRITTI RECENTI

REFERENDUM ABROGATIVO E REVIVISCENZA

Federico II: alle origini dello Stato sociale

"NOMOS. LE ATTUALITA' DEL DIRITTO

CONVEGNI, ATTI E SEMINARI

Home » Introduzione alla lezione magistrale del Prof. Valerio Onida
Introduzione alla lezione magistrale del Prof. Valerio Onida
La lezione inaugurale del Master in Istituzioni parlamentari del Prof. Valerio Onida e' recuperabile sul sito della Facolt di Scienze politiche


A nome della Facoltà porgo il benvenuto al pubblico che partecipa alla lectio magistrale per l´inaugurazione dell´anno accademico del Master in I.P.E.S.C.(Masteripesc).
Negli ultimi tre anni si sono successi al leggio :prima l’allora Senatore a vita Giorgio Napolitano (Le Assemblee parlamentari a 60 anni dall´assemblea costituente) poi divenuto Presidente della Repubblica; poi il Presidente della I Commissione Affari costituzionali Luciano Violante(La funzione di coordinamento del Parlamento italiano),che ritornava in Facoltà dopo dieci anni do;oggi il prof. Valerio Onida,presidente emerito della corte costituzionale , che parlerà invece su I sessanta anni della Costituzione repubblicana (1948-2008) .
Il tema è attuale e rischia di essere un epitaffio di pensionamento , mentre il relatore è un costituzionalista che ha speso tutta la sua vita all´inveramento dei valori costituzionali .
C´è quindi solo da ascoltare .
Vorrei però premettere poche parole per esprimere la mia gratitudine nei confronti di Valerio Onida che ha accettato la mia richiesta.
Quando ho conosciuto Valerio ,mi ero appena laureato a Pavia e si era nel periodo delle celebrazioni del 30° anniversario della liberazione e dell´assemblea costituente.
Valerio Onida aveva vinto il concorso per la prima cattedra di diritto parlamentare nel 1970/71 (gli altri della terna erano Giuliano Amato e Silvano Tosi) ed era stato chiamato per lo straordinariato a Sassari e poi si era trasferito a Pavia (quindi nel 1974/75). Fucino e allievo di Tosato e poi di Biscaretti (come Franco Bassanini) , Onida era arrivato a Pavia nella Facoltà di Giurisprudenza sostituendo Serio Galeotti . I temi che aveva trattato durante gli anni Sessanta erano di ampio respiro . Fondamentale la sua prima ponderosa monografia su Le leggi di spesa nella Costituzione(1963) , che ne faceva (lo dico ovviamente scherzando) un emulo di Paul Laband, che con il suo Budgetrecht aveva fondato la scuola di diritto pubblico tedesco, e poi il successivo volume su Pubblica amministrazione e costituzionalità delle leggi (1967) .
Ma quello che mi aveva impressionato di questo professore magro ,che viaggiava sull´autobus Milano - Pavia (il successore del gamba de legn) e che era provvisto di una famiglia numerosissima, era il suo severo metodo giuridico attento al documento storico oltre che all´attualità costituzionale.
Nel 1975 Onida era stato coinvolto nella serie di conferenze che diedero vita alla pubblicazione di Italia :1945-1975 :fascismo antifascismo,Resistenza ,rinnovamento (Milano,Feltrinelli,1975), dove con altri aveva approfondito la stagione di riflessione sulla carta costituzionale a 30 anni dalla Liberazione. In quel periodo ,già all´inizio degli anni Settanta, il gruppo che poi fonderà Quaderni costituzionali(ricordo in questo proprio Enzo Cheli,che oggi insegna in questa Facoltà ) era impegnato nella analisi della recente vicenda costituzionale italiana , verificando l´attuazione della carta costituzionale , i suoi sviluppi e le sue possibili modifiche . Si stava aprendo la fase degli studi promossi dalla Regione Toscana , che vennero pubblicati da il Mulino tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, ma anche la riflessione sulle riforme istituzionali che caratterizzerà il quindicennio successivo( ricordo per questo Economia, politica e istituzioni in Italia del 1976 e Una repubblica da riformare : il dibattito sulle istituzioni in Italia dal 1975 a oggi del 1980) .
In questo ambito Valerio Onida ha fornito il suo contributo allo studio della Costituzione come atto normativo e da interpretare con metodo giuridico,inserendolo nel determinato contesto in cui era nato e valutandolo anche alla luce della concreta prassi con alcune pubblicazioni che ho letto e consultato nelle mie biblioteche lungo l´asse ferroviario Pavia-Milano-Firenze-Roma, con qualche scalo al Mulino di Bologna. Tra le tante collegate ai temi del master e di questa lezione magistrale ricordo in particolare la preziosa raccolta di documenti a sua cura su L´ordinamento costituzionale italiano dalla caduta del fascismo all´avvento della Costituzione repubblicana ,testi e documenti ,Bologna ,Cooperativa libraria universitaria editrice,1976 oppure i due volumi di Materiali per lo studio del diritto e della prassi costituzionali del 1984( il primo su gli organi ; il secondo sulle attività ) pubblicati con due suoi allievi ( Antonio D´Andrea, Giovanni Guiglia) nel 1984.
Quel metodo e quell´impegno Valerio Onida lo ha coerentemente portato avanti sia come docente sia come giudice costituzionale sia, infine, come Presidente della Consulta . Egli ha tenuto ferma la bussola anche nelle temperie della stessa crisi di regime degli anni Novanta,che prima ha scosso l´albero della Costituzione,suggerendone innovazioni profonde ma anche mettendo in gioco il suo equilibrio.
Il suo volumetto sulla La Costituzione.La legge fondamentale della Repubblica (la cui prima edizione è del 2004) è rappresentativo dello sforzo di considerare attuali "le idee di fondo che costituiscono il patrimonio costituzionale" e di non considerare anziana e pensionabile la stessa .
La scomparsa dei soggetti politici individuali e collettivi che avevano dato vita alla Costituzione aveva già posto problemi negli anni Novanta. Oggi il modificarsi veloce del panorama politico-partitico nell´ambito di un contesto europeo e internazionale post-1989 pone problemi di tenuta di alcune scelte e di alcune interpretazioni che per molti anni abbiamo ritenuto non controvertibili. Il rapporto tra Costituzione materiale e Costituzione formale ( categorie che nonostante le cautele di Livio Paladin e dello stesso Onida alcuni di noi persistono ad utilizzare nell´ambito della lezione mortatiana ) impone di verificare il grado di elasticità del testo costituzionale vigente ed i pericoli di rottura dello stesso . Nel 2006 il Corpo elettorale è sembrato più equilibrato del suo ceto politico . Dalla lezione di oggi speriamo che la lampada di Valerio Onida ci dia i lumi necessari per i passi futuri.